#AttaccaRenzi su Twitter, ecco come la rete “difende” il sindaco di Firenze Matteo Renzi dalle parole di Sergio Marchionne e Massimo D’Alema (TWEET) (da www.huffingtonpost.it)

Comunque vada, riesce sempre ad essere al centro dell’attenzione. Con il principio pubblicitario “nel bene o nel male, purché se ne parli”, il sindaco di Firenze riesce sempre a far parlare di sé. La giornata di ieri per Matteo Renzi è stata campale: prima le parole di Massimo D’Alema (poi ritrattate) che lo accusa su più fronti ( ” si farà male” e “ha usato un jet privato altro che camper”), poi la sfortunata uscita di Sergio Marchionne che, davanti ad un gruppo di studenti, si è schierato contro “la brutta copia di Obama, definito sindaco di una città “piccola e povera“. Insomma, Renzi attaccato su più fronti. Così, poco dopo le 8, il mondo di twitter si è inventato un nuovo hashtag, subito diventato trendic topic. Abbiamo provato a ricostruire la genesi: sembra che il primo a lanciare #attaccarenzi sia stato l’utente @asinomorto, che dopo un “Che poi ancora un paio di attacchi e a Renzi me lo fanno Presidente della Repubblica” ha deciso di proporre il gioco virale “a mia insaputa”. Un successo: la rete ha subito preso – ironicamente – le difese del rottamatore. Ecco una raccolta di #Attaccarenzi, battute (in 140 caratteri) per far sorridere sulla “vittima” fiorentina.

http://www.huffingtonpost.it/2012/10/11/attaccarenzi-su-twitter-difesa-renzi_n_1956806.html

#Attaccarenzi
 
 
8 di 24
 
 

Maria Grazia
Renzi si farebbe la Merkel . 
×Ordina per classificazione
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli dalla Stampa Nazionale. Contrassegna il permalink.