Matteo Renzi contro il governo tecnico: “Non hanno mai visto il Paese reale”. Attacca Berlusconi e parla del suo conto in banca e della tessera da boy scout (da www.huffingtonpost.it)

Matteo Renzi

Ne ha per tutti, Matteo Renzi. Per Belusconi – “più altalenante dello spread”, per il governo Monti “i tecnici non conoscono situazione reale del Paese”, perfino per D’Alema. Parla a ruota libera intervistato da Maria Latella su Skytg24 e racconta del suo conto in banca “ci sono 19.500” euro, sino a quella “tessera da boy scout…”.

BERLUSCONI “Siamo alle candidature a targhe alterne, Berlusconi è più altalenante dello spread. Penso che dopo 18 anni abbiamo diritto di parlare di altro” dice il sindaco di Firenze “ora è giusto che anche il centrodestra faccia le primarie. Su alcuni punti specifici, come questo, posso anche andare d’accordo con D’Alema”.

“RASSICURO D’ALEMA” “Voglio rassicurare D’Alema, se c’è una invasione alle primarie e si vota un candidato che lui non preferisce non è pericoloso, può essere una partecipazione genuina. Noi stiamo cercando di parlare del futuro dell’Italia partendo da una situazione in cui per 20 anni c’è stato Berlusconi e l’antiberlusconismo. Perchè se siamo a questo punto la colpa non è solo di Berlusconi. Non si può avere sempre l’alibi di Berlusconi”.

“D’Alema una volta ha detto che mi sarei fatto male, oggi usa ancora un certo linguaggio. Poi lui dice che gli manchiamo di rispetto. Ma perché deve attaccare me? Cosa ho fatto di male?“.

LE PRIMARIE “Si sono svolte sempre con lo stesso metodo per 8 anni. Stavolta Bersani ha cambiato idea”. “Secondo me” – ha aggiunto – è accaduto perché i dirigenti “erano impauriti dai sondaggi. Il 95% del gruppo dirigente del Pd sta contro di me – ha detto il sindaco di Firenze – la nostra scommessa è dimostrare che la base Pd è con noi. Se vogliamo scrivere un libro nuovo non possiamo farlo con autori vecchi”.

“IO L’UNICO CHE PUO’ SCARDINARE” La mia è infatti l’unica candidatura che potrebbe scardinare un blocco sostanziale. Possiamo farlo perché siamo stati gli unici a dire con chiarezza che il re era nudo anche nel nostro partito. Non è che se vinco io devo dare un ministero alla Bindi, uno a Fioroni eccetera”.

“IO MASSONE? HO LA TESSERA DEI BOY SCOUT…”. “Io massone? Ho la tessera onoraria da arbitro di calcio e quella dei boy scout”. “In banca in questo momento ho 19.500 euro. Se fai il sindaco non hai gli stipendi dei parlamentari o dei consiglieri regionali, nè vitalizi”. “Ho preso il jet per andare al funerale di Pierluigi Vigna, ma ho pagato di tasca mia”. ‘

FINANZA E SVIZZERA “Io sono per fare un accordo con la Svizzera” dice sul suo incontro con il mondo della finanza e sulle soluzioni all’evasione fiscale. Secondo Renzi, sui rapporti con la finanza, “quelli che c’erano prima erano subalterni”.”Non faccio il totonomi, sarebbe decisamente antipatico. Penso che se fossi il vincitore delle primarie avrei un grande obbligo morale, quello di mettere nei posti di responsabilita’ persone libere, capaci e competenti, libere da equilibri interni al partito. Questo nella scuola, nella cultura, ovunque”.

SUL GOVERNO DEI TECNICI “Il ministro dell’economia dovrebbe essere particolarmente autorevole”, ha aggiunto, “Ci sono anche degli ottimi politici. Monti ha restituito credibilità all’Italia, ma c’è un punto: pare che i tecnici il paese vero e reale non l’abbiano mai incontrato. Non si rendono conto che oggi continuare a sostenere i tagli significa impaurire chi ha risorse”.

MONTEZEMOLO-CASINI Tandem Montezemolo-Casini? “Non sarà certamente questo che porterà ad una fase di innovazione”.

STOCCATINA A VENDOLA Governare con Nichi Vendola? “Decida lui se essere serio oppure no”.

CAYMAN E DAVIDE SERRA “La vicenda delle Cayman è stata usata per denigrazione ed è molto triste, perchè vuol dire che c’è una incapacità a parlare di fronte” spiega Renzi parlando della cena con gli esponenti della finanza a Milano organizzata da Davide Serra per replicare alle polemiche che gli sono piovute addosso.

“Io ho un mutuo per una casa a Pontassieve non ho conti cifrati nei paradisi fiscali -ha spiegato il sindaco di Firenze-. La finanza è fondamentale, bisogna interloquire con la finanza ma bisogna dare delle regole, mentre quelli di prima sono stati subalterni alla finanza”.

Renzi poi ha citato alcuni casi concreti: “Vogliamo parlare di Mps o della scalata, ma io la chiamerei ‘sfilata’, Telecom finanziata dalla politica? E’ una vicenda che è sotto gli occhi di tutti e allora D’Alema era presidente del Consiglio e Bersani ministro dell’Industria“.

RENZI PARLA DEL SUO CONTO IN BANCA E LA RETE RICORDA “QUELLA VOLTA CHE VINSE DA MIKE”. IL VIDEO

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Articoli dalla Stampa Nazionale. Contrassegna il permalink.