Blogger Lina a Renzi: “Vai avanti con rottamazione. Tocca a noi”. (da www.matteorenzi.it)

bloggerROMA, 14 NOV – ”A Matteo Renzi dico di andare avanti con la ‘rottamazione’ dei vecchi del suo partito. Ho sentito che ha avuto dei problemi per questo, ma io lo incoraggio a proseguire perche’ – in Tunisia come in Italia – e’ il momento di lasciare una chance ai giovani”. A parlare è Lina ben Mhenni, la blogger tunisina citata dal sindaco di Firenze nel suo Pantheon personale durante la sfida tv tra i candidati alle primarie di centrosinistra. Alla domanda del moderatore di Sky su chi fossero le figure di riferimento dei candidati, Renzi ha infatti risposto: ”Nelson Mandela e Lina, 29 anni, blogger tunisina che sta combattendo per i diritti delle donne in Tunisia dopo aver combattuto la dittatura di Ben Ali attraverso il suo computer”.

”Sono rimasta sorpresa”, ammette Lina al telefono con l’ANSA, e soprattutto ”onorata di essere stata citata accanto a Nelson Mandela”. ”E’ una cosa enorme”, commenta quasi imbarazzata per essere stata affiancata a un ‘gigante’ come l’uomo simbolo della lotta all’apartheid e Nobel per la pace nel 1993. Lei il premio Nobel per la pace l’ha sfiorato nel 2011, quando era stata candidata per la sua battaglia per la liberta’ durante la primavera araba.

Attraverso il suo blog ‘A tunisian girl’ e’ stata la voce della rivoluzione dei Gelsomini, con i social network ha portato migliaia di giovani in piazza, documentato su Youtube la repressione del regime e la forza dei suoi coetanei, contribuendo cosi’ alla cacciata di Ben Ali.

Ancora oggi Lina ben Mhenni continua a farsi portavoce, in Tunisia come all’estero, di un’intera generazione e non smette di denunciare – a costo di molestie e minacce – le ingiustizie, la violenza contro le donne, il tragico destino dei migranti, la prepotenza della classe dirigente. Insomma, la primavera araba in Tunisia per Lina non e’ finita, e l’agognata democrazia resta incompiuta. ”In Tunisia abbiamo ancora molti problemi, ma la politica italiana la seguiamo. Sapevo chi era Matteo Renzi, e da ieri lo seguo anche su Twitter”, aggiunge la giovane insegnante che a fine novembre sara’ a Roma per una conferenza: ”Mi piacerebbe incontrarlo – fa quindi sapere la blogger – provero’ a mettermi in contatto con lui”. (ANSA)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Contributi Esterni. Contrassegna il permalink.