Berlusconi, l’IMU e la durata del Governo Letta

Tutto ciò che dice, o propone, il Cavaliere, Berlusconi e chi altri se no, non può che destare sospetto. La sua insistenza sull’IMU, come se lavoro, cassa integrazione ed esodati non fossero le vere emergenze del momento, presta il fianco ad un’unica interpretazione, trovare un pretesto per far cadere il Governo Letta, ben sapendo che la sua caduta assesterebbe un colpo definitivo al PD, Partito senza guida e non da oggi, e priverebbe La Russa da un lato e Grillo dall’altro, di quell’opposizione ad un Governo costretto a dover approvare nuovi provvedimenti impopolari, che alla lunga gli potrebbero sottrarre quel consenso che i sondaggi di oggi gli assegnano. Questo ed altro, come l’aver dato vita ad un Governo con chi degli interessi del Paese se ne impipa, mi rende scettico sulla durata dell’esecutivo a guida Letta. La discussione, poi, sull’eventuale riforma della Carta Costituzionale mi fa scompisciare dal ridere.

Alberto Cardone

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I Miei Articoli. Contrassegna il permalink.