Il Metrò di salerno e i manifesti in stile ventennio del Comune

L’Amministrazione Comunale di Salerno, a spese dei cittadini, ha tappezzato la città di manifesti nei quali a caratteri cubitali dà per certa l’entrata in funzione per il prossimo autunno della Metropolitana , ma in piccolo e nello stesso manifesto annuncia l’unica verità acclarata. Nella sostanza, senza la firma in calce dell’Ente Regione Campania all’accordo già sottoscritto da Comune e RFI e senza lo stanziamento di due milioni di euro ed il relativo pagamento annuale di quella cifra da parte di Palazzo Santa Lucia a favore di RFI, restando il Metrò parte integrante del trasporto su ferro regionale, non sarà possibile portarsi da una parte all’altra di Salerno a bordo dei convogli della Metropolitana, nè in autunno, nè mai. Ovviamente mi auguro che la Regione tiri fuori, e finalmente, il denaro necessario, ma se dovesse sperabilmente accadere, non se ne potrà rilevare la contraddittorietà. Il trasporto pubblico, su ferro e su gomma, in tutta la regione è in profondissima crisi, a causa dei pesantissimi tagli operati dalla Giunta Caldoro. Il finanziamento di un’opera che non dà risposte esaustive, anzi, assolutamente parziali, alla fame di trasporto pubblico, non renderebbe giustizia alle Aziende sull’orlo del fallimento ed ai loro lavoratori, che vedono minacciato il proprio posto di lavoro, quindi, si finanzi la Metropolitana di Salerno, opera quasi ultimata e costata milioni di euro, ma si veda, altresì, di stabilizzare tutto il settore del trasporto pubblico della regione Campania. Un’ultimo consiglio agli Amministratori di Salerno: meno propaganda in stile ventennio. La crisi morde anche a Salerno ed è notorio che le tasche vuote alla lunga aprono tutte le menti.

Alberto Cardone

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I Miei Articoli. Contrassegna il permalink.