De Luca ha raccolto quello che ha seminato (di Alberto Cardone)

IL MANCATO INCARICO A DE LUCA

Che botta, ragazzi.

Si erano affrettati a diffondere la notizia che il Sindaco di Salerno avrebbe ricevuto l’incarico di Sottosegretario e sono stati tragicamente, anche un po’ comicamente, smentiti dai fatti, quelli veri,

E’ stata una bella botta, perché è innegabile che si sia fatto di tutto per far entrare De Luca nella compagine di Governo. Si era scelto anche l’incarico da andare a rivestire, quello di Sottosegretario alla Coesione territoriale, un incarico non da poco, sicuramente di grossa responsabilità.

Son certo che ora qualcuno sosterrà la tesi, assai poco credibile, del complotto ordito da poteri occulti ed oscuri.

Dite pure, l’importante è che non trasciniate nelle vostre beghe ed in maniera assolutamente strumentale, come già avete ampiamente fatto, il buon nome di Salerno.

Ai danni di Salerno non c’è alcun complotto, ma c’è, piuttosto, chi ne sta danneggiando palesemente l’immagine. Fate un bell’esame di coscienza e recitate il mea culpa.

Artefice della vicenda del mancato conferimento dell’incarico governativo è il solo De Luca e chi gli sta intorno, che per l’ennesima volta non l’ha saputo frenare, almeno consigliare.

E’ innegabile che abbia fatto tutto da solo, inimicandosi gli amici di una vita, che si son sentiti traditi dal suo inaspettato cambiamento di fronte in occasione delle Primarie del PD dell’8 dicembre scorso, attaccando a tutto spiano Letta e Lupi per il mancato conferimento delle deleghe e dando vita, appunto, all’interminabile querelle sul doppio incarico e la presunta incompatibilità, che nei fatti lo ha reso lo zimbello d’Italia e che da salernitano mi auguro non abbia altre tragiche conseguenze sulla e per la città di Salerno.

Non si dimentichi, infatti, che a maggio la Corte d’Appello di Salerno sarà chiamata a pronunciarsi sulla decadenza di De Luca da Sindaco, pronuncia che nel caso dovesse essere favorevole, cioè, qualora dovesse confermare quanto già sentenziato nel primo grado di giudizio, ipoteticamente potrebbe produrre fatti gravi e dagli effetti nefasti per la città. Aleggia l’annullamento di tutti gli atti compiuti dall’Amministrazione Comunale nel periodo nel quale De Luca ha rivestito la carica di Vice Ministro, fatto del quale potete ben capire la drammaticità.

Cosa dovremmo aspettarci ora?

E’ possibile immaginarlo.

Vedremo un De Luca sempre più incazzato, in guerra con il mondo ed anche vendicativo, più vendicativo di come lo abbiamo già conosciuto.

Il punto è, Salerno può permettersi di essere trascinata nella guerra di De Luca? Può, nel mentre anch’essa si trova a dover affrontare i gravissimi problemi prodotti dall’imperante e perdurante crisi, inimicarsi ulteriormente tutto e tutti?

I salernitani farebbero bene a chiederselo, perché qui non è più e solo in gioco il futuro di un uomo, ma delle nostre famiglie e dei nostri figli.

Alberto Cardone

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in I Miei Articoli e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.